Alberto Castoldi

Alberto Castoldi insegna Letteratura francese all'Università di Bergamo, di cui è stato rettore dal 1999 al 2009. Si è occupato di letteratura di viaggio (Il fascino del colibrì, La Nuova Italia, Firenze 1972), del romanzo fra Settecento e Ottocento (Il realismo borghese, Bulzoni, Roma 1976), del ruolo degli intellettuali negli anni trenta (Intellettuali e Fronte Popolare in Francia, De Donato, Bari 1978), del “perturbante” in ambito artistico (Grandville and Company, Lubrina, Bergamo 1987); Clérambault. Stoffe e manichini, Moretti & Vitali, Bergamo 1994), del rapporto fra droga e letteratura (Il testo drogato. Droga e letteratura tra Ottocento e Novecento, Einaudi, Torino 1994), della simbologia dei colori (Bianco, La Nuova Italia, 1998). Per la Bruno Mondadori (Milano) è autore di Bibliofollia (2004), Anatomia del vuoto: Pierrot (2008) e Congedi. La crisi dei valori nella modernità (2010). Ha fondato e dirige le seguenti riviste: “Locus Solus” (Bruno Mondadori), “Cahiers de Littérature française” in collaborazione con la Sorbona, “Elephant & Castle” (Centro Arti Visive).

 


Articoli pubblicati


Ripensare l'universitĂ 

Alberto Castoldi

Stendhal, Shelley, Artaud: il lutto della rappresentazione

Alberto Castoldi

Le magiche fantasmagorie dei nostri sogni

Alberto Castoldi

L'intellettuale come corpo separato

Alberto Castoldi

L'artista celibe

Alberto Castoldi

Avatars de Montgolfier

Alberto Castoldi

I libri ci guardano: Jonathan Wolstenholme

Alberto Castoldi

L'espace cruel

Alberto Castoldi

A ritroso: viaggio alle origini dell’Associazione per gli Studi di “Teoria e storia comparata della letteratura”

Alberto Castoldi