Il richiamo alla Tempesta shakespeariana non è casuale. Prospero's è di chi, avvalendosene, vuole contribuire a dare forma a ciò che apparentemente non la possiede, e per ciò stesso non è trasmissibile, non può essere oggetto di riflessione, se non nell'accezione generalissima di informe. Ben consapevoli d'altronde che Calibano è parte costituiva di ogni Prospero, a lui, alle sue azioni, ai suoi pensieri, strettamente intrecciato, non già come componente, parte di un tutto, ma come cono d'ombra al riparo della sua luminosità. Ciò che ci proponiamo è di dar voce a quegli interventi, di diversa natura, a seconda delle rubriche, intesi a creare varchi nelle certezze che affliggono, ma anche a tentare di fornire delle risposte, sia pure con il rischio di essere costantemente in crisi ogni volta che la domanda eccede la possibilità di risposta.
Sappiamo tutti che l'epoca attuale è fra le più complesse che l'umanità abbia attraversato, il che non vuol dire necessariamente che sia anche fra le più drammatiche o infelici. Significa invece dover prendere atto che la molteplicità e la radicalità dei mutamenti in atto rendono estremamente difficile quella "messa in forma" che via via le riflessioni fornite dal passato sono andate operando e che ci hanno consegnato. Il nostro obiettivo non sarà quello della ricerca delle certezze, difficile d'altronde capire dove finisce Prospero e inizia Calibano, ma quello di capire; in altri termini l'accento verrà posto non tanto sulla volontà di SAPERE, quanto su quella di CAPIRE, pur nella consapevolezza, ancora una volta, della loro inscindibilità. La mole immensa dei materiali a disposizione costituisce, la quantità degli eventi che ci vengono partecipati costituiscono un problema, è la nuova babilonia dettata dalla pluralità dei saperi e delle narrazioni che ci interpellano. Noi vogliamo semplicemente individuare di volta in volta delle tracce e suggerire delle possibili "forme" che consentano, nonostante tutto, un dialogo.

PROSPERO'S comprende varie rubriche, in parte aperte a tutti i contributi che ci giungeranno, in parte curate da alcuni collaboratori. Gli assi portanti sono l'OSSERVATORIO, che si propone essenzialmente come sguardo sul presente, e che si avvarrà anche degli interventi dei lettori, pubblicandone i commenti; la sezione PARCO CENTRALE (il riferimento a Benjamin è soltanto un omaggio a un nostro nume tutelare) raccoglie saggi sulla letteratura e le arti; la sezione PASSAGES è rivolta ai giovani, ai dottorandi sia dei vari dottorati a carattere umanistico, sia in particolare a coloro che frequentano il dottorato europeo Erasmus Mundus Interzones che ha sede amministrativa a Bergamo. Una sezione DOSSIER fa riferimento a tematiche precise di cui s'intende fornire i materiali di studio ritenuti indispensabili soprattutto per la formazione dei dottorandi.


Ultimi articoli

23/03/2014 | PARCO CENTRALE

The Body Of Voice

Franca Franchi

Classical Greece bequeathed to Western culture a concept of nature utterly imbued with a sacred dimension extending to all its forms, from feminine plants to masculine rivers, wind and other sounds, ...


15/11/2013 | OSSERVATORIO

A ritroso: viaggio alle origini dell’Associazione per gli Studi di “Teoria e storia comparata della letteratura”

Alberto Castoldi

Succedeva di tanto in tanto che Remo Ceserani, durante le conversazioni che avevamo con Mario Lavagetto, ci intrattenesse sugli straordinari docenti di letteratura che aveva modo di incontrare durante ...


06/11/2013 | PASSAGES

L'orizzonte della letteratura

Daniele Franco

1.1 Il prodotto libro Nell’era delle telecomunicazioni, è indubbio che la potenza comunicativa umana abbia raggiunto livelli esponenziali, tanto da diventare pressoché illimitata. ...


27/05/2013 | PARCO CENTRALE

"Nunsploitation". David Foster Wallace e Robert Bresson

Laura Kreyder

Il manoscritto di Infinite Jest che David Foster Wallace consegnò nel 1993 al suo editor, Michael Pietsch, era più lungo. Alcuni tagli furono accettati, altri no, sezioni intere furono ...


14/05/2013 | PASSAGES

Transontologia

Leonardo Caffo

L’identità sessuale è spesso intesa come il sesso biologico: l’essere nati maschi o femmine. Già la disgiunzione, spesso intesa come un aut – ovvero come XOR ...